Clash Royale: Meglio shoppare?







Shoppare o non shoppare, questo è il dilemma.

Partiamo dal presupposto che Clash Royale teoricamente non si può definire un Pay To Win dato che teoricamente tutte le carte si possono trovare nei bauli e che il pagare non offre nessun potenziamento in arena.

Dopo questa parentesi, ce comunque da ammettere che la percentuale (bassa) con cui si trovano le leggendarie e l'alta difficoltà di accumulare gold e carte per il potenziamento delle truppe il pagare diventa sicuramente la strada per un successo immediato.

Quindi è meglio shoppare o no?

Sicuramente la bellezza di scalare le arene senza spendere un centesimo è appagante ma per me un minimo di euri si possono benissimo spendere.
 Il motivo principale è semplice. Se avete il gioco nel sangue, vi piace e la casa che lo ha prodotto (in questo caso particolare la Supercell) che rilascia aggiornamenti costanti, supportare un gioco fondamentalmente gratis è un modo per contribuire a non far morire il brand.
Ovviamente oltre a questa motivazione segue la seguente: diventare un minimo competitivi nel gioco.

Quanto spendere? 

Sarò il più onesto possibile con voi. Per arrivare il Arena Leggendaria mi sono sono servito dello shop solo 2 volte.


Un barile di gemme da 19,99 e un pacchetto principiante nell'arena picco ghiacciato da 9,99.

Ora che sono arrivato in arena leggendaria sicuramente spenderò altri 9,99 per un pacchetto  principiante.


Inutile dirvi che con le prime due shoppate io non abbia trovato leggendarie. Ci sono riuscito ben due volte con gli scrigni di legno gratis a trovare due volte la principessa.

Oltre a questo devo aggiungere che da picco ghiacciato (2.300) all'ultima arena (3.000) ci sono riuscito solo con la principessa. Sotto il deck utilizzato.




Il mio consiglio è che se il gioco vi piace, shoppate quanto basta per raggiungere gli ultimi livelli (io con 29,98 ci sono riuscito benissimo). Se il gioco invece è un passatempo potreste riuscire benissimo con il tempo, la pazienza e un pizzico di fortuna a scalare.


Per concludere definitivamente, con questo articolo non voglio incitare allo shop selvaggio (che odio) ne alla tirchiaggine assoluta. Insomma guardate il vostro portafoglio e in base a quello decidete sapendo che la verità sta sempre nel mezzo.
Share on Google Plus

About Lorenzo Martellucci

Appassionato di Musica, Informatica e Tecnologia dal medioevo.
    Blogger Comment

0 commenti:

Posta un commento

+ + Si ricorda che chiunque voglia postare un commento è libero di farlo, anche in anonimo senza registrazione + +