Testo Mea Culpa - Umberto Maria Giardini

Testo Mea Culpa - Umberto Maria Giardini

Vivere con te è come entrare dentro a un fiume
che scende scende scende lento

ma non arriva mai al suo mare

Vivere con te è come rimanere a piedi in autostrada
con la coscienza perforata che va a braccietto con la verità

Vivere con te

oggi vivere con te

lontano dal lontano,
lontano da Milano,
lontano dagli sguardi indifferenti e dai denti delle bocche botolinizzate
da nuvole e montagne
di televisori presi a rate

lontani dalle telecamere del tuo quartiere
lontani dai miei piani decaduti già da tempo
lontani dall'asfalto liquefatto e da quel patto che potremmo mantenere

lontano dai parcheggi
dai tuoi sogni morti dentro schiocchi tatuaggi
lontano da un milione di anni luce
dalla pubblicità
noi l'antimateria della realtà
girati su di un fianco facciamo fare tutto a tutti
noi l'antimateria della realtà
girati su di un fianco stiamo a guardare
facciamo fare tutto a tutti
o restiamo a guardare






 

Share on Google Plus

About Lorenzo Martellucci

Appassionato di Musica, Informatica e Tecnologia dal medioevo.
    Blogger Comment

0 commenti:

Posta un commento

+ + Si ricorda che chiunque voglia postare un commento è libero di farlo, anche in anonimo senza registrazione + +