Testo Umberto Maria Giardini - C'è chi ottiene e chi pretende



Testo Protestantesima 
Testo C'è Chi Ottiene E Chi Pretende
Testo Molteplici E Riflessi
Testo Seconda Madre
Testo Sibilla

Buio nel buio
vuoto nel vuoto
vergine d'acqua del lago

sciogli le trecce
rendile neve
fallo per l'uomo che crede

batti martello
dimmi che ho torto
prendi e poi sciupami il corpo

fallo marcire rendilo vigliacco e vile
tanto agire non servirà

come pretendere, come pretendere
non mi davi la ragione che era mia

occhi agli occhi
pelle a pelle
meritavamo le stelle
raccomandate da una chiamata interurbana

nera la notte
chiaro il mattino
tu l'acqua fresca e io il vino

ma che faccio più male di un palo infuocato nel culo
chi l'ha provato è sicuro che

come pretendere, perché è come pretendere
non mi davi la ragione che era la mia
mi lasciavi come un cane al tuo autogrill
al tuo autogrill

non mi davi la ragione che era mia
Share on Google Plus

About Lorenzo Martellucci

Appassionato di Musica, Informatica e Tecnologia dal medioevo.
    Blogger Comment

0 commenti:

Posta un commento

+ + Si ricorda che chiunque voglia postare un commento è libero di farlo, anche in anonimo senza registrazione + +